Arte e cultura

La Scala torna all’estero

Il Maestro Riccardo Chailly dirigerà l’Orchestra Filarmonica della Scala in un tour europeo che della durata di sei mesi. Partiti a gennaio e previsti fino a giugno 2019, i nove concerti in programma si terranno in Spagna, Francia, Germania, Olanda, Lussemburgo, Italia e Svizzera.

L’orchestra, fondata da Claudio Abbado con la visione di voler sviluppare il repertorio sinfonico nell’ambito della tradizione operistica del Teatro, è attiva dal 1982 e conta al suo interno un attivo di circa 120 elementi. Ha avuto modo di esibirsi all’estero in tournée già nel 2018, dove trentamila persone di nove Paesi diversi hanno potuto assistere a ben 17 date di pura musica. Anche quest’anno le prevendite sembrano aver raggiunto buoni risultati e, forti della propria identità culturale, sappiamo che i nostri rappresentanti in terra straniera, affiancati dal violinista Maxim Vengerov, non potranno deludere i loro ammiratori.

“L’annuale appuntamento con la tournée internazionale della Filarmonica ha fortemente caratterizzato l’attività dell’orchestra e il suo ruolo nel diffondere, a livello mondiale, la musica classica a un pubblico sempre più ampio e diversificato.” spiega Fabrizio Saccomanni, presidente della Filarmonica della Scala e presidente di Unicredit Banca – che è anche sponsor principale dell’orchestra dal 2003. “In Unicredit crediamo che il sostegno alla cultura e al talento abbia un impatto positivo nelle comunità in cui operiamo. La partnership con la Filarmonica si basa soprattutto sulla condivisione dello stesso obiettivo: offrire esperienze straordinarie alle nostre comunità al fine di favorire la coesione sociale e promuovere un senso di appartenenza”.

Non ci resta dunque che augurare buona fortuna e un bagno di successi ai musicisti, che si esibiranno a Dortmund, Amsterdam, Lussemburgo, Modena, Lucerna e Baden-Baden.

Comments are closed.