Diete e cosmesi

No alla moda “low carb”: meglio un consumo moderato

Una dieta che contempli un consumo moderato di carboidrati allungherebbe di non poco la vita. E’ il risultato di uno studio pubblicato sul “Lancet Public Health” del Brigham and Women Hospital di Boston, Massachussets, Stati Uniti, dove oltre 15400 persone coinvolte hanno permesso ai ricercatori di verificare le teorie successivamente analizzate nel progetto “Atherosclerosis Risk in Communities Study”. I partecipanti alla ricerca hanno compilato due questionari sulle abitudini alimentari, uno all’inizio dello studio e uno dopo sei anni. Quindi sono stati seguiti per 25 anni durante i quali hanno seguito le diete alimentari a loro più congeniali in assoluta libertà di scelta e, al termine, hanno fornito tutti i dati ai ricercatori che li avevano coinvolti nello studio. 

I risultati sono stati dunque suddivisi in tre fasce principali di media: chi aveva consumato troppi carboidrati, chi ne aveva consumati in maniera moderata, tra il 50 e il 55% dell’energia totale, e chi ne aveva consumati in misura inferiore. Questi dati sono stati incrociati con lo stato di salute dei soggetti studiati al momento della fine della ricerca, ed è stato evidenziato che diete dove il consumo di carboidrati previsto era inferiore al 40% o maggiore del 70% dell’energia totale portavano a un incremento del rischio della mortalità, laddove un consumo moderato di carboidrati allungava invece la prospettiva di vita media

Negli ultimi anni molte diete sono diventate popolari grazie a vari personaggi dello spettacolo che ne hanno fatto uso, nelle quali la maggior parte prevedeva un basso apporto di carboidrati combinato con un eccessivo consumo di grassi o proteine, ma i ricercatori avvertono che “diete low carb, ovvero con un basso apporto di carboidrati, associate a cibi animali possono portare a una minore aspettativa di vita. Al contrario, se si sceglie di scambiare i carboidrati con grassi e proteine vegetali, si promuove la salute a lungo termine” (fonte: ANSA). Il corpo trae infatti un giovamento non indifferente da questo stile di vita: ben 33 anni di vita in più oltre i 50 anni, mentre chi consuma un quantitativo basso di carboidrati ha un’aspettativa di vita media di altri quattro anni, e solo un anno in più per chi ne consuma troppi.

Comments are closed.