Viaggi e benessere

Promozione che scegli, isola che trovi

Unica, accessibile, trasparente, sicura, informata, preparata, connessa, digitalizzata, multi destination. Sono le parole chiave del progetto presentato da Intesa San Paolo a Palermo in occasione del convegno “Il Turismo in Sicilia: quali potenzialità”.

La Sicilia rappresenta molto bene alcuni aspetti fondamentali dell’ospitalità del nostro Paese, come ambiente, enogastronomia, cultura e mare; Pierluigi Monceri, Direttore Regionale Lazio, Sardegna e Sicilia Intesa Sanpaolo, è dell’idea che “bisogna dare valore e significato alla destinazione Sicilia, deve essere il motore di ogni azione programmatica e operativa. L’esperienza e la motivazione sono l’anima e il cuore del turismo 3.0”.
Secondo Intesa San Paolo, la Sicilia può essere unica valorizzando tutti i suoi punti di forza; deve garantire accessibilità, tramite un’adeguata offerta di infrastrutture connesse alla viabilità e deve essere mappata in modo che emergano tutte le sue potenzialità. Gli operatori del settore devono trasmettere preparazione e professionalità comunicando ottimamente tra loro, anche tramite la propaganda via web attraverso tutte le opzioni messe a disposizione dalla rete. Inoltre, bisogna spingere tutte le destinazioni possibili, senza dimenticare il turismo esperienziale.

Durante il convegno è altresì emerso un aumento dei turisti stranieri del 22,2% rispetto al decennio passato (2007-2017) e l’internazionalizzazione della domanda è stata stimata attorno al 49,3% nel 2017. Durante il 2018 la spesa dei viaggiatori nella regione è aumentata del 15,9% nel primo semestre e rispetto al decennio precedente le strutture da 4 o 5 stelle sono aumentate del 12,5%, con aumento di posti letto dell’11,3%.

Il nostro Paese è nella top 10 delle destinazioni del turismo mondiale, con l’Italia al secondo posto come brand per numero di ricerche su Google. Il brand Italia possiede un valore di 1.521 miliardi di dollari, quota aumentata del 45% rispetto a 3 anni fa. Segno eclatante che il turismo in Italia può davvero fare la differenza, in quanto strettamente collegato ad altri settori collaterali.

Comments are closed.