Category

Viaggi e benessere

Category

La regione dei Monti Dauni, nell’entroterra pugliese, offre molto ai suoi visitatori, a cominciare dalla sua natura epica, tant’è che prende il suo nome da un re leggendario, originario della Grecia. Sono ben 29 i comuni che la compongono e che offrono scorci naturali percorribili a piedi o in bici e affascinanti borghi medioevali da cui restare rapiti, soprattutto per l’imponenza delle loro cattedrali.

Ne troviamo un esempio a Lucera, dove lo stile gotico con influenze romanico-pugliesi si ritrova sia nelle costruzioni religiose che nell’anfiteatro romano, nella fortezza e nel palazzo nobiliare, e a Bovino, dove spiccano la maestosa S.Maria Assunta e il castello ducale. La storia riecheggia fortemente anche ad Alberona, antico feudo di cavalieri templari, e a Roseto Valforte, dove troviamo un notevole impianto urbanistico longobardo e un mulino risalente al 1388. A Pietramontecorvino troviamo un castello ducale di origine sveva dove una torre normanno-angioina del 1200 svetta in tutta la sua maestosità, affiancata da un salone riccamente affrescato, sede perfetta per cene a tema rinascimentale e sontuose cerimonie. Motta Montecorvino offre ai suoi visitatori la Chiesa di S. Giovanni con il suo campanile gotico, Volturino la Chiesa Badiale romanica e Volturara Appula una cattedrale del tredicesimo secolo. San Marco La Catola ci presenta la Chiesa di San Marco con il suo convento dei cappuccini, che ospita la Madonna di Giosafat, bassorilievo in stile tardo bizantino che i crociati liberati da Federico II avrebbero portato dalla Terra Santa.

Ma i Monti Dauni offrono molto anche per la loro gastronomia: Lucera è sede di un importante frantoio, Pietramontecorvino produce ottimi salumi e Orsara di Puglia e San’Agata di Puglia sono due piccole perle vanto della comunità di Slow Food. Da non dimenticare la caratteristica Troia, che oltre alle bellezze architettoniche non si può certo dimenticare per il suo famosissimo Nero, vino conosciuto in tutto il mondo.